Tag Archives: amazonia

Tarubá production process

We wrote in another post about tarubá, a fermented beverage made with cassava.

How it’s done? The process isn’t easy and it’s worth a documentation. We present here how Maria do Socorro Oliveira produces it. Maria is from the Escrivão village, along the great Tapajós river, within the Aveiro municipality, in the Brazilian Amazon.

Maria explained us (me and my daughter Karen) the production process in detail and she consented to record it by pictures. These are taken by Adamor Cardoso.

As long as I know, this is the first comprehensive recording of the tarubá production process.

We tried to understand better also the issue of puçanga, a powder strewed on the cassava paste. This powder is made toasting and crumbling the leaves of a specific plant. The same plant is used to cover the paste, while it rests. This plant popular name is curumim; there aren’t reliable sources that identify it, but we deem that is Trema micrantha (L.) Blum.

Tarubá production process diagram

Tarubá production process diagram

Photographic record of the whole tarubá production process

Cassava in Roero

Tucupi, cassava flour and tarubá. On the background, the farmsted in Pocapaglia, Cuneo, Piemonte, Italy. October 2015 (c) Luca Fanelli
Tucupi, cassava flour and tarubá. On the background, the farmsted in Pocapaglia, Cuneo, Piemonte, Italy. October 2015 (c) Luca Fanelli

The cassava (Manihot esculenta) doesn’t grow up in the Roero region (Italy), but for one night was the star in Pocapaglia. Here, a group of student of the University of Gastronomic Sciences, hosted by Konstantin and Karen, could taste the true Amazonian cassava flour, the hot tucupi sauce and the tarubá.

All the three products are so important in the Amazon gastronomy, and so unknown outside this region – in particular, the tucupi and the tarubá.

The tasting. Pocapaglia, Cuneo, Piemonte, Italy. October 2015 (c) Luca Fanelli
The tasting. Pocapaglia, Cuneo, Piemonte, Italy. October 2015 (c) Luca Fanelli

A visit in Prainha to know the “state of the art” of the piracui production

Fisherman with acari. Prainha 2015. Picture by Tamara Saré
Fisherman with acari. Prainha 2015. Picture by Tamara Saré

Since 2008 I have struggled to find ways to support the piracui producers of Prainha, Pará, Brasil. I spent the past August in the Amazon region. So, I decided to visit them. I was absent from the region since 2010 and I wanted to update my information. Beside that, my idea was to record some interviews, in order to tell with the fishermen’s own words their harsh and delicate work.

To organise the visit I counted on my friend Ivonete, who, together with me, is responsible for the piracui in the Slow Food’s Ark of taste. We created a little team, with Revelino e Flodivaldo, da Colônia de Pescadores, Tamara, photographer and friend, Karen, who’s studying at the University of Gastronomic Sciences and, by the way, is my daughter.

We gathered many and high-quality information, and some great testimonies, I’ll try to put in this blog or elsewhere.

I already was, but I’m now more convinced that for the piracui producers is urgent to produce less with the same income. This means that who now produces an hight-quality piracui would continue to do that; who doesn’t, has to increase the quality. And the quality must be appreciated. Only organisation among the fishermen and the right incentives from the local buyers could do that.

This change is not only important for the fishermen livelihood, but also for the environment, since the over-production of piracui is threatening the very base of it, the fish called acari1.

The proble isn’t demand: piracui has a strong, and maybe growing, regional market (Santarém, Manaus, Belém, maybe Fortaleza): nearly 10 tons of piracui leave Prainha every year; as everyone who already prepared some dish with piracui, this is a huge amount!

But in this market there aren’t incentives to promote quality. The producer who makes a good piracui generally receives some extra money from the local buyer, but his piracui is sold to the consumer mixed with low-quality piracui. And the local consumer couldn’t choose between a “good” or “bad” piracui, or even doesn’t know at all there is a “good” and “bad” piracui.

Beside that, though there are some very clear point about “what process makes a good piracui” , many uncertainties remain, above all regarding preservation. And it’s very important that the issue of food safety comes “from below” and not “top-down”. Today, no sanitary control exists; but, sooner or later, something would come. And if that it is put in place in a way that doesn’t take in account the local specificities, many producers will be hit — and maybe some of the best producers. There is in Brazil a very interesting debate about adapting the sanitary rules to small-producers (see a news about that, in Portuguese), but we still have a long way 2.

You’ll find a more detailed account of the outcome of the visit here (text in Portuguese).

I really hope that some actors could become interested in the matter and engage themselves in supporting local people in the way for a more sustainable production of piracui, that could also help to rise the living standards in the region.

The whole team. From left to right: Revelino, Ivonete, Flodivaldo, Luca, Karen e Tamara. Rio Vira Sebo. Prainha, PA, Brasil. 2015 (c) Luca Fanelli
The whole team. From left to right: Revelino, Ivonete, Flodivaldo, Luca, Karen e Tamara. Rio Vira Sebo. Prainha, PA, Brasil. 2015 (c) Luca Fanelli
  1. There are other causes for the decline, but the over-catch is one of the more this is probably very relevant.
  2. Also the 2006 FAO/ WHO document Guidance to governments on the application of HACCP in smalland/or less-developed food businesses points in this direction.

Luzia Fati’s memory

Foto di Luca Fanelli/ MAIS. Nov. 2011
Santarém riverside

In order to honour the memory of an upright person, Luzia Fati, who died in March 2013, I put here the whole interview she gave me in April 2007, in Santarém (Pará, Brasil).

Over this interview, she retraces his life and the history of the rural trade unions of the Brazilian Northern region. She put together historical events, a sharp political analysis and moving personal memories.

I splitted the interview in six parts; it is in Portuguese.

I – Childhood and youth, political and personal education, until the election as member of the STTR (rural trade union) direction (21 min.).

II – From the STTR to the CUT national direction (CUT is a trade union confederation)

III – The CUT national direction, coming back to Santarém, the engagement in the ISAM (city manager related to environment)

IV – To be a female trade union director, the opportunities, the relationship with family

V – STTR’s history and performance, the trade union role, its political and economic role and the land issue today

IV – Ribeirinhos (people who live along the rivers) and planalto (highlands) in the rural trade union history, some points about the trade union history in the region, conclusions.

Here you can find a short account about the Luzia life (CUT website, in Portuguese).

The differentiation of the Brazilian peasantry and its struggles for citizenship (podcast and proceedings)

Congresso Internazionale di Americanistica. Perugia. 9 maggio 2012.
Palazzo dei priori. Congresso Internazionale di Americanistica. Perugia. 9 maggio 2012. Foto di Carla Frova

Intervento presentato al XXXIV Convegno Internazionale di Americanistica, nella sessione: 19. Centralità dei margini e nuove forme di cittadinanza, coordinata dal Prof. João Pacheco de Oliveira e dal Prof. Roberto Malighetti.

Registrazione dell’intervento

Audio (20 min., italiano)

Traccia dell’intervento

Il mio contributo cerca di dare conto di una serie di trasformazioni nella relazione tra identità collettiva di gruppi abitano la campagna brasiliana, i movimenti che li rappresentano, i dispositivi legislativi che si riferiscono loro e come queste trasformazioni si inseriscono nel quadro della cittadinanza di questi gruppi nella società nazionale.

La mia attenzione si rivolge particolarmente a due gruppi particolari, ovvero i contadini storici del Baixo-Amazonas (Stato del Parà), da un lato, e i quilombola della Vale do Ribeira (Stato di S. Paulo), dall’altra, ma frequenti saranno i riferimenti agli abitanti delle campagne più in generale.

Nessuno di questi due questi gruppi, molto eterogenei al loro interno, hanno sviluppato sino agli anni Settanta del Novecento forme di auto-rappresentazioni forti. Parimenti non hanno sviluppato delle forti organizzazioni che li rappresentino.

Proprio perché tali movimenti rappresentano a tutti gli effetti dei gruppi latenti, senza strumenti di decisione interna e vincolo di rappresentanza, non focalizzeremo la nostra attenzione sull’autorappresentazione identitaria di questi gruppi, che sarà invece posta ai gruppi organizzati (Boudon, Bourricaud, 1989, Action (collective)), che in entrambe i casi sono rappresentati dai villaggi, o da gruppi di villaggi; l’autorappresentazione identitaria dei movimenti sarà quindi lasciata sullo sfondo, e usata come oggetto di confronto con quella dei gruppi. E’ evidente che esistono anche delle differenze e dei conflitti tra le autorappresentazioni dei gruppi organizzati e dei loro membri; anche a questo faremo riferimento.

La cittadinanza è intesa in questa sede come la garanzia effettiva di diritti civili, politici e sociali; la partecipazione alle istituzioni politiche; il senso di appartenenza alle comunità di contesto (cfr. Leydet, 2011).

Nota metodologica e fonti

Ricerca non accademica ma sviluppata a partire dal lavoro sul campo.

Riflessione sul rapporto tra i sogni personali e della nostra società e quelli delle persone coinvolte nei progetti di sviluppo locale e la loro società.

Le domande

Questi gruppi hanno posto in atto strategie per vedere riconosciuta la loro cittadinanza negli ultimi trent’anni? (Hanno i contadini brasiliani posto in atto delle strategie per vedere riconosciuta la loro cittadinanza negli ultimi trent’anni?)

Hanno queste strategie qualcosa di nuovo? (Queste strategie sono cambiate nel corso degli anni?)

Due precedenti: 1. Rivendicazione della riforma agraria come giustizia distributiva, successo del concetto di sem terra

Brasile

Baixo-Amazonas

Vale do Ribeira

Prima del 1980

Creazione dei sindacati in Acre

Creazione della FLONA Tapajós

1980-1984

– Conquista del STR di Santarém (Leroy, 1989)

– Lavoro di base della CPT (Santos, Tatto, 2008, p. 10)

1985-1989

– MST, congresso di Curitiba

– 1° incontro nazionale dei seringueiros

– Lavoro di base della CPT

1990-1994

– Creazione dell’EAACONE e del MOAB

1995-1999

– Frechal reserva quilombola

– Resex Tapajos-Arapiuns

– Primi riconoscimenti di terre di quilombo
– Inizio delle attività dell’Istituto Socioambiental (ISA)

2000-2004

– Consiglio FLONA Tapajós

– Primi atti amministrativi limiti terre

2005-2009

– Rafforzamento dell’intervento dell’ISA

2010-2012

– Primo titolo definitivo

Nel decennio della democratizzazione e in quello successivo, a livello brasiliano, la principale forma di rivendicazione della cittadinanza è stata quella che va sotto la bandiera della riforma agraria. Questa rivendicazione è stata portata avanti da soggetti molto diversi, a livello locale, statale e nazionale. A livello nazionale i soggetti più significativi che si sono fatti promotori di questa rivendicazioni, in modi molto diversi e spesso contrapposti sono stati il movimento sindacale e il Movimento Sem Terra (MST).

Questo di fatto ripropone in chiave nuova ma in termini molto simili alla contrapposizione tematizzata dalla teologia della liberazione tra oppresso e oppressore, categorie ovviamente ideali.

Due precedenti: 2. Questione agraria oltre la riforma agraria: la tortuosa storia dell’identità contadina

Se il Movimento Sem Terra si concentrava sin da subito sulla dimensione dell’accesso alla risorsa per eccellenza, la terra, come elemento di cittadinanza, i sindacati dei lavoratori della terra diversificavano molto di più la loro richiesta, indirizzandola soprattutto nei termini di benefici; il legame più pratico e meno ideologico tra leader sindacali nazionali e leader locali, e tra questi e il gruppo latente da questi rappresentato, ha fatto sì che anche le auto-rappresentazioni identitarie siano state meno rilevanti e meno efficaci.

Ciò nonostante, in un ambito più tecnico che di movimento sociale, sorge il termine agricoltura familiare, che verrà ad assumere nel corso degli anni una forza crescente, sussumendo, a suon di politiche pubbliche, tutte le società che vivono il rurale.

Contemporaneamente a questi processi, negli anni Ottanta e Novanta del Novecento vanno sviluppandosi rivendicazioni differenti, fondate su categorie di auto-rappresentazione differenti. I due gruppi di cui qui trattiamo interpretano bene due di questi casi.

I fattori creativi: 1. sviluppo e modo di appropriazione delle risorse naturali

Nel caso del Baixo-Amazonas iniziano a svilupparsi movimenti che rivendicano allo stesso tempo la garanzia dell’accesso alle risorse naturali e l’accesso a beni e servizi. Come nel caso dell’Acre, dove questo tipo di movimenti hanno inizio, tre fattori ne favoriscono la nascita:

a) la conquista dei sindacati dei lavoratori della terra da parte di componenti più combattive – fenomeno che caratterizza tutto il Brasile negli anni appena anteriori e appena posteriori alla democratizzazione

b) la scia della forte pressione imposta alle popolazioni amazzoniche da parte dei progetti di colonizzazione intrapresi dalla dittatura militare

c) l’affermarsi di un modello preservazionista per quanto riguarda le risorse naturali, con la creazione dei parchi

I contadini amazzonici si riappropriano del modello preservazionista imposto dall’esterno, che viene trasformato in uno strumento di rivendicazione di diritti.

Essi propongono un nuovo «patto» alla società nazionale, in cui, in cambio della garanzia della terra, «offrono» la conservazione delle risorse naturali.

I fattori creativi 2. la giustizia riparatrice

Lo spartiacque è il dispositivo che istituisce i quilombo nella costituzione del 1988.

Nel momento in cui entra nella Costituzione, nemmeno i costituenti hanno ben chiaro di che cosa si tratta: in quel momento ci si riferisce soprattutto all’eredità dei quilombo storici, laddove invece, in breve tempo, verrà alla luce la realtà ampia e multiforme dei quilombo contemporanei.

Attraverso la risemantizzazione e la produzione del concetto di quilombo, il richiamo alla tradizione e a un’identità di gruppo, si trasforma in uno strumento forte di rivendicazione di uno spazio nella società.

Nel caso della Vale do Ribeira questo processo impiega un tempo più lungo che in altre parti del paese: il lavoro di sensibilizzazione, portato avanti da soggetti esterni, inizia negli anni Novanta, e i primi riconoscimenti risalgono agli anni in cui Frechal diventa resex quilombola.

I fattori di crisi: uno sguardo più ampio

L’affermarsi di queste nuove dimensioni di rivendicazione della cittadinanza si accompagnano a una crisi delle altre strategie.

I motivi:

a) La progressiva distinzione concettuale (e politica) della questione agraria, dalla questione dello sviluppo economico.

b) La debolezza dei grandi mediatori – MST, CPT – che, malgré tout, non riescono a sussumere nella categoria sem terra – uno spettro più ampio di soggetti sociali locali.

Ma ciò che vogliamo sottolineare ora è soprattutto l’inefficacia di queste dimensioni di rendere conto di dimensioni non riducibili, ovvero il rapporto che i soggetti hanno con i territori d’origine, con i territori e la dimensione geografica, ovvero dove le persone si trovano. Elementi che, fra l’altro, tornano all’ordine del giorno quando si creano gli insediamenti stessi. Tutto questo a fronte invece di una contrapposizione oppressi – oppressori molto più generale di queste.

Secondo Almeida (Almeida, 2008) le nuove identità collettive si sovrappongono a quella sindacale senza rottura, mentre a mio parere questa rottura c’è: l’adesione al sindacato rimane strumentale, mentre le rivendicazioni si concentrano sull’aspetto più identitario, relativo al particolare rapporto con le risorse naturali o a un particolare legame con un passato storico.

Insomma la riproposizione dell’accesso alla terra di pone proprio facendo appello ad elementi che nella concezione più generalista non erano considerati, e passando da un concetto generico di giustizia sociale, a concetti radicati in dimensioni meno laiche e più viscerali, quali le radici nella terra, il diritto originario alla terra, un modo di vita culturalmente diverso – pur se inseriti, ad altro livello, nel quadro dei diritti umani. Questo si inserisce in una più ampia e profonda crisi di modelli universalistici di cittadinanza, a favore di modelli differenzialisti (Leydet, 2011, §2), sebbene le diseguaglianze, per quanto invocate come «naturali» – proprio in risposta a questo nuovo quadro ideologico – vengono subitamente depurate di questo elemento e convertite in diseguaglianze sociali[1].

Conclusioni

1) Sia i contadini storici amazzonici, sia i quilombo hanno messo in atto negli ultimi trent’anni delle strategie per accedere ai diritti civili, politici e sociali, rivendicando un ruolo nelle società di contesto

a) per il particolare rapporto con le risorse naturali, più rispettoso e quindi utile o a controbilanciare l’uso indiscriminato o a proporre un diverso modello di sviluppo e/o

b) per un debito storico che la società stessa ha nei loro confronti.

2) Queste strategie sono state a diverso titolo interpretate sia a livello di gruppi latenti, sia a livello di gruppi organizzati (villaggi), sia infine di strategie famigliari e individuali, sebbene in costante conflitto tra una dimensione di auto-rappresentazione esterna e una di auto-rappresentazione e pratica interna.

3) Queste strategie rappresentano una reale novità, in quanto spostano l’accento da una giustizia sociale basata sulle risorse a dimensioni più innervate con l’identità.

4) Proprio anche per questo motivo, il senso di appartenenza alla comunità di contesto, invece di darsi per via di assimilazione, si dà per via di identificazione, proponendo quindi alla società nazionale di accettare una diversità, della quale essi sono componenti. Ciò sembra in qualche modo proporre una strada, seppur precaria e provvisoria, al superamento dell’aporia costituita dalla contrapposizione etimologica tra la cittadinanza e l’essere contadino, ovvero non-cittadino.

Bibliografia

Alfredo Wagner B. de Almeida, Terra de quilombo, terras indígenas, “babaçuais livre”, “castanhais do povo”, faixinais e fundos de pasto: terras tradicionalmente ocupadas, PGSCA – UFAM, Manaus 2008

Raymond Boudon, François Bourricaud, A critical dictionary of sociology, Routledge, 1989 [1986]

Alessandro Cavalli, Classe, in Norberto Bobbio, Nicola Matteucci and Gianfranco Pasquino (a cura di), Dicionário de política, Universidade de Brasília, Brasília 199811 [1983]

Jean-Pierre Leroy, Uma chama na Amazônia. Campesinato, consciência de classe e educação. O Movimento Sindical dos Trabalhadores Rurais de Santarém (1974-85), Tesi (FGV), 1989

Dominique Leydet, Citizenship, The Stanford Encyclopedia of Philosophy, Aug. 1, 2011, Indirizzo: http://plato.stanford.edu/, consultato il: 31/03/2012

Katia M. Pacheco dos Santos, Nilto Tatto, Agenda Socioambiental de Comunidades Quilombolas do Vale do Ribeira, Instituto Socioambiental, São Paulo 2008

Note

[1] Todos “estão de acordo em pensar que as classes sociais são uma conseqüência das desigualdades existentes na sociedade. Isto já permite uma rigorosa delimitação dos fenômenos que entram nos limites da aplicação do conceito de Classe, uma vez que: 1) torna possível excluir tudo o que entra na categoria das desigualdades naturais; 2) faz referência apenas às desigualdades que não são casuais e se revelam de modo sistemático e estruturado. Isso não impede, porém, que haja desigualdades naturais que adquirem relevância na sociedade e se convertem, por isso, em desigualdades sociais” (Alessandro Cavalli, Classe, in Norberto Bobbio, Nicola Matteucci and Gianfranco Pasquino (a cura di), Dicionário de política, Universidade de Brasília, Brasília 199811 [1983], p. 169-170, corsivo mio).



Gastronomic event in S. Paulo

My badge at the Semana Mesa SP

Semana Mesa SP is one of the most important Latin American gastronomic events; in 2010 comes to its 4th edition; this year issue is “What gastronomy could do for the plantet?”, an incipient, but clear stance to put gastronomy outside the restaurants walls.

I participated to the event presenting the piracui (fish flour) Tamuá both in the Instituto Slow Food São Paulo stall and the Gustavo Rocha panel “Poke de filhote com guyoza de piracuí ao molho de açaí [Amazonian catfish* poke and piracui guyoza with açai** sauce]”, and speaking about landraces in the Claudia Mattos panel “Petit Gateau Nativo [Native petit gateau]”, that presented an innovative way to combine rice and beans.

* Branchyplathystoma filamentosum.

** Pulp of the Euterpe oleracea palm fruits.

Inhabitants of the Renascer Resex villages settle to prevent the exit of barges full of wood

Sunday, January 3, 2010, 12:52 AM – News
News published in the Instituto Socioambiental web site in December the 21st, 2009.

Since November the 27th, inhabitants of the Renascer Resex villages are settling at the exit of the Tamuataí river, in the municipality of Prainha (Pará, Brazil), near the border of the protected area, in order to prevent the exit of barges full of wood. The village people say that the wood was extracted illegally and explain they are fed up with waiting for the governmental patrolling.
Read the full story in the blog Tamuá.Sunday, January 3, 2010, 12:52 AM – News
News published in the Instituto Socioambiental web site in December the 21st, 2009.

Since November the 27th, inhabitants of the Renascer Resex villages are settling at the exit of the Tamuataí river, in the municipality of Prainha (Pará, Brazil), near the border of the protected area, in order to prevent the exit of barges full of wood. The village people say that the wood was extracted illegally and explain they are fed up with waiting for the governmental patrolling.
Read the full story in the blog Tamuá.Sunday, January 3, 2010, 12:52 AM – News
News published in the Instituto Socioambiental web site in December the 21st, 2009.

Since November the 27th, inhabitants of the Renascer Resex villages are settling at the exit of the Tamuataí river, in the municipality of Prainha (Pará, Brazil), near the border of the protected area, in order to prevent the exit of barges full of wood. The village people say that the wood was extracted illegally and explain they are fed up with waiting for the governmental patrolling.
Read the full story in the blog Tamuá.

Research and action for development

ricercazioneDuring the XXX International Congress of American Studies, Perugia, Italy, May 6-12, 2008, in the panel Amazonia. State of the Art of the Field Researches was debated the relationship between research, mainly in humanities and social sciences, and specifically anthropological, and development projects, mainly non-governmental.

Briefly, was affirmed the epistemological interdependence between research and action and the necessity of the tie between these two practices; at the same time, was noticed the segregation between research actors (mainly university) and development actors (mainly NGOs).

Read a resume of the debate (in Italian).